Foto

Il paese

paese1g

Sardara, centro di oltre 4000 abitanti, è uno dei più importanti degli oltre venti paesi della nuova provincia del Medio Campidano. Il suo centro storico, ricco di fascino ed estremamente evocativo, ci riporta indietro nel tempo; qui si ritrovano alcune delle architetture tipiche del Campidano meglio conservate e valorizzate in assoluto. Le strade, linde ed ordinate, acciottolate o lastricate, restituiscono atmosfere d'altri tempi.
Storicamente appartenente alla curatoria di Bonorzuli, si caratterizza per la presenza del castello di Monreale, sulla collina omonima, per lo stabilimento di acque termali sulle antiche thermae romane, per il complesso nuragico-fenicio-punico di Sant'Anastasia nel centro dell'abitato. Sardara è certamente nata paese rurale ed agricolo per le sue belle campagne, per la pianura che si apre da Sanluri ad Uras, insinuandosi fino a Pabillonis e San Gavino, e per il suo sistema collinare che, oltre al suo Monreale, si sviluppa fino ai confini di Mogoro, Collinas e Villanova.

paese2g

Il centro abitato, che si trova ai piedi della collina di su Sibizziri, nella parte più antica, si sviluppa con un susseguirsi di costruzioni, offrendo dal poggio antistante un panorama, gradevole e luminoso. 
Il centro storico, ricco di fascino ed estremamente evocativo, ci riporta indietro nel tempo; qui si ritrovano alcune delle architetture tipiche del Campidano meglio conservate e valorizzate in assoluto, spesso realizzate con alti muri in trachite inframmezzati da inserti in mattoni in argilla di colore rossastro " ladiri". Le case a corte fanno bella mostra di se con i loro portali padronali, curati ed impreziositi con orgoglio dai proprietari. Molti, conservano ancora inciso sull’architrave il simbolo d’appartenenza corporativa come fabbri, sellai vignaioli. Le strade, linde ed ordinate, acciottolate o lastricate, ci restituiscono atmosfere d’altri tempi. 
Interessanti dal punto di vista geologico le discariche di due miniere situate in una zona poco distante dal centro abitato; attive fino a pochi decenni fa, presentano una serie di filoni di barite e fluorite incassati negli scisti di origine paleozoica.

paese3g

Sicuramente, il punto di forza di Sardara è l’incredibile patrimonio archeologico, riassunto nel museo Villa Abbas, uno dei più belli della Sardegna, meta assolutamente imperdibile. 
Le chiese, alcune piccoli gioielli d’architettura, arricchiscono l’interesse della cittadina, quella di San Gregorio del 1300, la chiesa intitolata alla Beata Vergine Assunta, la più importante, e ancora, fuori del paese, la chiesetta di Santa Maria Acquas, piccolo santuario, da secoli meta di pellegrinaggi e sede di un’i mportante festa. 
Sardara è famosa per la presenza nel suo territorio delle Terme di Santa Maria Acquas. Le terme, immerse in un bosco di eucalipti che dista appena 2 chilometri dal centro abitato, sfruttano fin da tempi antichi, alcune sorgenti di acque mineralcarbonato-alcaline che sgorgano a temperature vicine ai 60, 70 gradi centigradi. 
A pochi chilometri dal paese sono le Terme di Sardara, moderno complesso curativo, non lontano dal quale rimangono le testimonianze della presenza dell'uomo sin da epoca eneolitica, come il nuraghe Arigau o i resti delle terme romane. 

paese4g

Sotto l’egida del consorzio Sa Corona Arrubia, il paese ha aderito ad un progetto di sviluppo turistico e si afferma sul mercato anno dopo anno, grazie al mix  dato appunto dal turismo termale e quello archeologico culturale. 
Nel luglio 2005, insieme ad Aggius, Laconi e Gavoi, ha ricevuto la prestigiosa bandiera arancione del Touring Club, destinata alle piccole località dell'entroterra che si distinguono per un'offerta di eccellenza e un'accoglienza di qualità. 

Sa bidda

Sàrdara, bidda cun prus de 4.000 abitantis, est unu de is prus comunus importantis de is prus de 20 de sa provìntzia noba (e oramai sciusciada) de su Campidanu de Mesu. Su tzentru stòricu, ecisosu e incantadori meda, si fait torrai agoa in su tempus; in Sàrdara agataus unas cantu architeturas tìpicas de is mellus tentas e avaloradas de su Campidanu. Is bias, allichididas e beni tentas, fatas a imperdau o a tellatzas, sucant atmosferas de àterus tempus.

Storicamenti faiat parti de sa curadoria de Bonorzuli, est connota po su Casteddu de Murriali, postu asuba de su cùcuru chi tenit su pròpiu nòmini, po su stabilimentu modernu de is bàngius e is bàngius romanus antigus, po su situ nuraxinu de Sant’Anastasia chi agataus aintru de bidda. Sàrdara est una bidda chi si sterrit in su campidanu chi bandat de Uras a Seddori a una parti e Pabillonis e Santu ‘Èngiu a s’àtera; fut duncas una bidda de messajus, est làcaras a pari puru cun Mòguru, Forru (oi Collinas) e Biddanoba.

 

Sa bidda, stèrria a is peis de su coddu de su Pibitziri, in sa parti prus antiga, s'allònghiat cun d-una carrera de domus, e giait a is chi càstiant de sa parti prus arta de sa bidda, una mirada bella e luxosa. Su tzentru stòricu prenu de amaju e incantadori, si fait torrai agoa in su tempus; innoi agataus unas cantu architeturas schetas de su Campidanu chi funt de is mellus tentas e avaloradas de su territòriu, bortas medas fatas cun murus artus de trachiti intreveraus a matonis de argidda de colori arrubiastu: “su làdiri”. Is domus de messajus cun pratza faint scioru de sei cun is portalis beni tentus de is meris, chi fiant po su prus, merixeddus de terra. Medas de custus portalis portant ancora scritu in s’incroamentu su marcu de apartenèntzia corporativa a is ferreris, sedderis o bingiateris.

Geologicamenti funt de interessu mannu is discàrrigas de duas minieras chi agataus a pagu tretu de sa bidda; Is minieras fiant ativas finas a calincuna dexena de annus a oi, presentant unus cantu filonis de barite e fluorite postus in mesu de is scistus de orìgini paleozòica.

Ma su bantu beru de Sàrdara est sa sienda archeològica stravanada, presentada in su museu Villa Abbas, unu de is prus bellus de s’ìsula, unu museu chi no fait a ndi fai de mancu de bisitai. Is crèsias, prendas de architetura, arricant s’interessu po sa tzitadina, sa de Santu Gregoi, de su 1300 (1321-1325?), sa crèsia intitulada a nostra Sennora “Sa Biada Vìrgini Assunta”- Crèsia Manna, Sant’Antoni de Pàdova e foras de bidda, in Santa Mariàcuas, sa cresiedda de sartu, santuàriu chi pigat su nòmini de su logu anca s’adòbiant pellegrinus a cambarada, prus de totu in ocasioni de una de is prus festas mannas de totu s’ìsula.

Sàrdara est connota fintzas po is bàngius de àcua callenti de Santa Mariàcuas. Is bàngius, postus a tretu de unus 3 chilòmetrus de sa bidda, funt ingiriaus de unu padenti de ocallitu. Su logu est abitau de s’antighidadi, e ddoi funt unas cantu mitzas de àcua mineralcarbonato-alcalinas chi ndi stupant a una temperadura de unus 60/70 gradus centìgradus.

Sempri innii agataus arrastus de sa presèntzia de s’òmini giai de s’eneolìtigu (edadi de s’arràmini) che su nuraxi arigau – e àterus sempri inguni acanta – e is arrestus de is bàngius romanus.

Cun s’amparu de su Consòrtziu Sa Corona Arrùbia, sa bidda pigat parti a unu progetu de svilupu turìsticu e abellu-abellu s’afirmat in su mercau gràtzias a un’amesturu  de turismu termali de is bàngius e archeològicu-culturali.

In su mesi de làmpadas 2005, cun Àggius, Làconi e Gavoi, at arriciu s’arreconnoscimentu de primori “Bandiera Arancione” de su Touring Club, po is biddas piticheddeddas de aintru chi si ponint in ispicu po un’oferta de primori e un'arricida de calidadi.

Borghi più belli d'Italia - Sardara / Is prus Burgus bellus de Itàlia - Sàrdara

 02 07 2014   |  Video della puntata sui Borghi più belli d'Italia